Inaugurato a Coverciano il corso per Responsabile di Settore Giovanile. Albertini: “Vogliamo creare nuove metodologie”

Inaugurato a Coverciano il corso per Responsabile di Settore Giovanile. Albertini: “Vogliamo creare nuove metodologie”

È stato inaugurato questo pomeriggio, nell’aula magna del Centro Tecnico Federale di Coverciano, il primo corso per ‘Responsabile di Settore Giovanile’. Un corso per professionalizzare sempre di più questa figura fondamentale all’interno del mondo calcistico e fortemente voluto dall’attuale presidente del Settore Tecnico, Demetrio Albertini, presente questo pomeriggio all’inaugurazione delle lezioni: “L’obiettivo di questo corso – ha sottolineato Albertini rivolgendosi agli allievi presenti – è quello di creare delle nuove metodologie di lavoro, sperando di alimentare il dibattito tra gli stessi corsisti e cercando il confronto con le altre realtà internazionali”.

Il corso iniziato questo pomeriggio è una versione ‘Élite’, dedicata a coloro che sono già responsabili dei settori giovanili nelle società militanti nei campionati professionistici, con una lunga militanza in questo ramo, e avrà un programma didattico ridotto a sole 36 ore. Il primo corso ‘standard’ prenderà il via invece il prossimo febbraio e avrà un programma completo di 192 ore.

“Sono emozionato – ha quindi concluso il presidente del Settore Tecnico – nell’annunciare il premio ‘Mino Favini’, che verrà assegnato al miglior responsabile di settore giovanile. A decretarlo sarete voi colleghi, con una votazione durante l’ultima settimana di lezione. Il premio verrà consegnato fisicamente in occasione della più importante cerimonia del Settore Tecnico, ovvero la Panchina d’oro”.

All’inaugurazione era presente anche il responsabile del corso, Filippo Galli – già componente della Sezione ‘Sviluppo del calcio giovanile e scolastico’ – che ha illustrato ai presenti il dettaglio delle lezioni.

Di seguito l’elenco completo dei corsisti, tra cui figurano anche il coordinatore delle Nazionali giovanili maschili, Maurizio Viscidi, ed il responsabile tecnico dei Centri Federali Territoriali, Maurizio Marchesini (tra parentesi la società di appartenenza):

Roberto Alberti (Spezia), Giovanni Bonavita (Cremonese), Mauro Borghetti (Novara), Angelo Carbone (Mialn), Giancarlo Centi (Como), Marcello Chiricallo (Monopoli), Roberto Colacone (Monza), Mattia Collauto (Venezia), Bruno Conti (Roma), Daniele Corazza (Bologna), Alberto De Rossi (Roma), Morgan De Sanctis (Roma), Gennaro Delvecchio (Lecce), Cetteo Di Mascio (Teramo), Francesco Farina (Crotone), Denis Fiorin (Pordenone), Giuseppe Geria (Pescara), Gianluca Grava (Napoli), Giovanni Invernizzi (Sampdoria), Davor Jozic (Cesena), Cristian La Grotteria (Cittadella), Maurizio Marchesini (FIGC), Massimo Margiotta (Hellas Verona), Flavio Margotto (Atalanta), Mauro Melotti (Modena), Bernardo Mereu (Cagliari), Francesco Musumeci (Gozzano), Francesco Palmieri (Sassuolo), Silvio Paolucci (Ternana), Luca Piazzi (Parma), Simone Paolo Puleo (Benevento), Carlo Sabatini (Padova), Roberto Samaden (Inter), Michele Sbravati (Genoa), Massimiliano Scaglia (Juventus), Pietro Strada (Feralpi Salò), Angelo Trevisan (Udinese), Nevio Valdifiori (Ravenna), Giuseppe Valentino (Carpi), Vincenzo Vergine (Fiorentina) e Maurizio Viscidi (FIGC).

Fonte Sito FIGC

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento