‘Dirigente addetto agli arbitri’: dal 18 aprile il via al nuovo ‘corso pilota’

‘Dirigente addetto agli arbitri’: dal 18 aprile il via al nuovo ‘corso pilota’

Un nuovo corso, per formare nella maniera più approfondita possibile una figura professionale che si sta sempre più affermando all’interno dei club professionistici e per cercare di convogliare tutte le realtà del calcio italiano verso una profonda sinergia: partirà il prossimo 18 aprile il ‘corso pilota’ per ‘Dirigente addetto agli arbitri’, rivolto a tutti coloro che già svolgono questo ruolo all’interno delle società di Serie A e Serie B.

Voluto dal Settore Tecnico della FIGC e dall’AIA, questo percorso didattico intende unire le competenze di due eccellenze del calcio italiano, rinomate anche oltre i confini nazionali, ovvero la Scuola Allenatori federale e la classe arbitrale del nostro Paese.

“Da sempre – ha sottolineato il presidente del Settore Tecnico, Demetrio Albertini – siamo attenti alle sinergie con le varie componenti del mondo federale. Abbiamo voluto costruire insieme all’AIA questo percorso didattico per fornire gli strumenti necessari affinché venga formata al meglio questa figura professionale di rilievo per le varie società calcistiche”.

“Sono orgoglioso – ha ribadito il presidente dell’AIA, Alfredo Trentalange – di aver promosso, insieme al presidente del Settore Tecnico Demetrio Albertini e con la piena condivisione della Federazione, il primo corso pilota per ‘Dirigente accompagnatore addetto all’arbitro’, un progetto che va a valorizzare delle figure che hanno da tempo hanno un importante rapporto con i direttori di gara. Metteremo a disposizione i migliori formatori per la realizzazione di questo percorso”.

Il corso, che avrà un programma didattico di 56 ore, si svolgerà tra le aule di Coverciano e Lissone, dove gli allievi potranno visitare il nuovo centro Var accompagnati dal designatore di Serie A e Serie B, Gianluca Rocchi. Personalità rinomate del calcio italiano – come il direttore della Scuola Allenatori, Renzo Ulivieri; il presidente e il vicepresidente dell’AIA, Alfredo Trentalange e Duccio Baglioni, e il responsabile del Settore Tecnico dell’AIA, Matteo Trefoloni – accompagneranno, insieme agli altri docenti del corso, gli allievi in questo percorso formativo attraverso materie come Regolamento di gioco, Carte federali, Comunicazione, Psicologia (finalizzata al miglioramento dei rapporti con la classe arbitrale), Tattica arbitrale e Principi di tecnica e tattica calcistica.

Bando di ammissione al corso

Fonte Sito FIGC

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento