Corso per Responsabile di Settore Giovanile, gli allievi in provincia di Torino per uno stage di tre giorni

Corso per Responsabile di Settore Giovanile, gli allievi in provincia di Torino per uno stage di tre giorni

Tre giorni per scoprire in prima persona le metodologie di lavoro adottate e per confrontarsi con i vari professionisti operanti nelle diverse realtà, sia di club che federali: da lunedì 25 a mercoledì 27 marzo gli allievi del corso per ‘Responsabile di Settore Giovanile’ sono stati in provincia di Torino per uno stage di tre giorni, iniziando questa esperienza al Centro Federale Territoriale di Gassino Torinese e poi proseguendo con le visite a Vinovo, nella casa della Juventus, e al quartier generale del Torino, al ‘Filadelfia’ e allo Stadio Olimpico ‘Grande Torino’, oltre a visitare anche il convitto del club granata.

Al CFT di Gassino Torinese gli aspiranti responsabili di settore giovanile hanno potuto seguire le lezioni a cura del responsabile tecnico ‘Evolution Programme’, Maurizio Marchesini, e del responsabile nazionale area metodologica ‘Evolution Programme’, Stefano Florit. Tra martedì e mercoledì, oltre a visitare le varie strutture dei due club torinesi, gli allievi hanno quindi potuto confrontarsi in aula anche con i due responsabili dei settori giovanili, Massimiliano Scaglia della Juventus e Ruggero Ludergnani del Torino, oltre al responsabile dell’attività di base del club granata, Corrado Buonagrazia. Ad accogliere gli allievi era presente inoltre il collaboratore dell’area tecnica del Torino, Emiliano Moretti. Tra i docenti intervenuti in questi tre giorni a fare lezione anche la componente della ‘Sezione per lo sviluppo del calcio giovanile e scolastico’ del Settore Tecnico – nonché Head of Women’s Football del Milan – Elisabet Spina.

In questi tre giorni i corsisti sono stati accompagnati a Torino dal segretario del Settore Tecnico, Paolo Piani, dal coordinatore del corso, Attilio Sorbi, e dai docenti Mario Beretta e Matteo Cioffi.

Questa rappresenta la penultima settimana di lezioni in presenza del corso, con il programma didattico che terminerà il prossimo 17 aprile, completando così le 174 ore di lezione.

Nell’immagine di copertina, Ludergnani. Nelle foto all’interno del testo, Scaglia e Buonagrazia.

Fonte Sito FIGC

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento