Lavorare nel calcio femminile: disponibile la tesi di Elisabet Spina al corso per Ds

Lavorare nel calcio femminile: disponibile la tesi di Elisabet Spina al corso per Ds

‘Maschile e femminile: l’incontro nell’evoluzione delle strutture e delle funzioni di una società calcistica’ è il titolo della tesi con cui Elisabet Spina si è diplomata al corso per ‘Direttore Sportivo che si è svolto a Coverciano nell’autunno 2019.

Il testo analizza come si stia sviluppando in Italia il calcio femminile all’interno dei club professionistici, mostrando come stiano evolvendo le strutture e indicando anche punti critici da superare, per permettere al comparto calcistico femminile una migliore possibilità di manovra.

La tesi è una sorta di ‘vademecum’ scritto da un’insider come Elisabet Spina – attuale Responsabile del settore femminile del Milan –  che vuole indicare a tutti i professionisti che decidessero di cercare un’esperienza lavorativa nel mondo del calcio femminile, quale sia al momento la situazione nel settore: dal lato più prettamente giuridico alle strutture interne nei vari club professionistici.

Riassumendo in poche frasi tutto il lavoro – utilizzando le stesse parole scritte dall’autrice nella conclusione della sua tesi – “L’apertura da parte di società professionistiche maschili, al calcio femminile, è stato un traguardo di fondamentale importanza che ha permesso una crescita esponenziale di tutto il movimento. Ma per poter sostenere al meglio ulteriormente questo percorso è necessario che a tutti i livelli aziendali ci sia consapevolezza su norme, specificità e contraddizioni che oggi fanno parte del calcio femminile”.

Scarica e leggi la tesi completa

L’AUTRICE

Elisabet Spina è l’attuale ‘Responsabile del settore femminile e Responsabile del progetto Academy ed Area ricerca e sviluppo del settore giovanile’ del Milan, diplomatasi a Coverciano all’ultimo corso per ‘Direttore Sportivo’ e abilitata anche come allenatrice professionista: nella storia della Scuola Allenatori, è stata la prima donna – nel 2016 – ad ottenere l’abilitazione UEFA A con il massimo dei voti, 110 su 110.

Fonte Sito FIGC